News

Legge di bilancio 2020: Le agevolazioni

By 05/02/2020 No Comments

Agevolazioni confermate con la legge di bilancio 2020: Eccole!

Bonus fiere 2020

Prorogato al 2020 il l’agevolazione che prevede la fruizione del credito di imposta per le Pmi rivolto alla partecipazione ad eventi fieristici internazionali di settore. Il bonus, con un massimale di 60.000 euro, ammonta al 30% delle spese sostenute per gli eventi.

Bonus formazione 4.0 2020

Viene prorogata anche la possibilità di usufruire del credito d’imposta per le spese di formazione del personale dipendente al fine di consolidare le competenze tecnologiche compatibili con il piano nazionale Industria 4.0.

Il credito d’imposta, fermo restando il limite massimo annuale di 300.000 euro, è così differenziato:

  1. Le piccole imprese possono usufruire dell’agevolazione al 50% delle spese ammissibili fermo restando il massimale annuo di 300.000 euro.
  2. Le medie imprese possono usufruire dell’agevolazione al 40% delle spese ammissibili con una riduzione del massimale annuo a 250.000 euro.
  3. Le grandi imprese possono usufruire dell’agevolazione al 30% delle spese ammissibili con una riduzione del massimale annuo a 250.000 euro.

Nel caso in cui l’attività di formazione riguardi lavoratori dipendenti svantaggiati la misura del credito d’imposta è aumentata al 60% fermi restando i massimali annui.

Bonus beni strumentali 2020

Le imprese residenti in Italia purchè non interessante da eccezioni (che interessano anche il Bonus Ricerca e Sviluppo) possono accedere al bonus sugli investimenti fatti dal 1 Gennaio al 31 Dicembre 2020, prorogabile fino al 30 Giugno 2021 nel caso in cui entro l’anno siano stati versati acconti pari almeno al 20% del costo totale.

Il bonus ammonta:

  1. Per i beni materiali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello Industria 4.0  al 40% del costo, per investimenti fino a 2,5 milioni di euro, ed al 20% del costo, per la quota eccedente i 2,5 milioni e fino al limite massimo pari a 10 milioni di euro. Per gli investimenti effettuati mediante contratti di leasing, si assume il costo sostenuto dal locatore per l’acquisto dei beni
  2. Per i beni immateriali connessi ad investimenti in beni materiali “Industria 4.0” al 15% del costo, con un cap massimo di costi ammissibili pari a 700.000 euro. Rientrano nell’agevolazione anche le spese relative all’utilizzo di tali beni mediante piattaforme cloud, per la quota di competenza.
  3. Per i beni differenti da quelli indicati nei due punti sopra citati al 6% del costo, con un massimale di costi ammissibili pari a 2 milioni di euro.

Bonus Ricerca e Sviluppo 2020

Confermato in fine il credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.0 e altre attività innovative. Candidabili tutte le imprese che risiedono sul territorio italiano, al di fuori delle imprese in stato di liquidazione o fallimento, od oggetto di sanzioni interdittive.

La misura ammonta:

  1. Per le attività di ricerca e sviluppo, al 12% al netto di altre sovvenzioni, fino ad un massimo di 3 milioni di euro.
  2. Per le attività di innovazione tecnologica, al 6%, sempre al netto delle altre sovvenzioni o contributi ricevuti sulle stesse spese, per un massimo di 1,5 milioni di euro.
  3. Per le attività di design e ideazione estetica, al 6% con un tetto di 1,5 milioni di euro.
Simone

About Simone

Leave a Reply

Macchine e servizi per la lavorazione del legno